Rafael Andrés, quando il disSacro diventa arte

Standard

Come sarebbe stata una cena frettolosa di Gesù se fosse avvenuta in un sobborgo di New York e nel XXI secolo? Pane e vino sarebbero davvero stati gli elementi principi del banchetto, divenuti poi il corpo e il sangue del Salvatore? Deve essersi posto questi interrogativi l’artista spagnolo Rafael Andrés, 42 anni e di Barcellona, quando ha dato forma alle sue idee irriverenti, trasformando veri capolavori dell’arte mondiale e adattandoli alla sbeffeggiante iconografia dell’era contemporanea. Ecco allora che la Cena in Emmaus di Tiziano assume contorni grotteschi ed ironici, in cui i colori del ‘500 italiano si uniscono ai tratti dominanti della modernità dell’autore. Intorno alla tavola imbandita, i protagonisti, con Gesù nel mezzo, gustano degli abbondanti hamburger di McDonald’s.
Andrés, che firma la reinterpretazione delle opere con lo pseudonimo The Raf, assicura che il suo obiettivo è l’umorismo e non l’offesa, pur essendo consapevole che la sua produzione possa non piacere a tutti, allo stesso modo in cui, come afferma in un’intervista per El Mundo, “io non sopporto Chiquito de la Calzada al contrario di molti altri”.
La mostra, in corso in questi giorni nella Galleria Eat Me  di Bangkok, sta riscuotendo un grande successo di pubblico. Accade così che nel Paese dall’altissimo livello di sfruttamento sessuale, e dalle paradossali e rigide leggi sul costume, ci sia spazio per un’esposizione dal forte contenuto dissacratorio e che le produzioni di The Raf siano già state vendute in gran numero. Si tratta, come spiega l’artista, di rielaborazioni grafiche digitali con cui cerca di criticare il contesto in cui furono create le opere. Questa tecnica ha consentito di lasciare inalterata la struttura dei quadri, conservando al contempo il valore trasgressivo delle stesse, a cui è andata aggiungendosi la spietata ironia dell’artista. Del resto nella descrizione che presenta l’esposizione leggiamo che le parodie acute di The Raf sono piene di dissidenza politico sociale verso una società incapace di separare mito e realtà.

Oltre alla Cena di Tiziano troviamo una Gioconda sfigurata dopo un ipotetico combattimento con Mike Tyson, o Las Meninas di Velazquéz sommerse dall’acqua sino alla cintura. Tra le opere più discusse (in fondo all’articolo è presente una Gallery) indubbiamente c’è il Cristo in Croce dello stesso Velazquéz, dove il Messia viene presentato con tanto di seno al punto da diventare La Jesusilla. È infatti prerogativa dell’autore, che si definisce un Arterrorista, cambiare il titolo alle opere, in un’operazione volta alla decontestualizzazione delle tradizionali figure religiose. Andrés si dice scettico sulle possibilità che la sua mostra possa approdare in Spagna, Paese con fortissima tradizione cattolica, e del resto è difficile dargli torto. In Italia possiamo star sicuri che ciò non accadrà, così come già in passato esposizioni ritenute offensive per la morale cattolica italiana, sono state cancellate nel giro di poche ore.

Il dibattito sull’opportunità di scandalizzare, da parte dell’arte, è tutt’ora aperto e del resto non potrebbe essere che così. Da sempre la creatività umana ha prodotto opere al limite del buon gusto comunemente accettato, basti pensare alla Donna Barbuta del Ribera che ancora oggi suscita scalpore.
Come sempre però, arte vuol dire anche o soprattutto stimolare la riflessione, e da questo punto di vista, ben venga dunque la Cryptoart di Rafael Andrés.

Questo slideshow richiede JavaScript.

[Articolo originariamente postato per fanpage.it]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...