Dieci note sul pentagramma…

Standard

Probabilmente le migliori parole mai cantate  per Diego Armando Maradona

Complimenti a La Linea del Pane che ha pubblicato questo brano come accompagnamento al bellissimo graphic novel di Paolo Castaldi sulla vita del fuoriclasse argentino.

Consiglio di ascoltare la canzone almeno 4 volte di fila!

BISOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

Mamma, sai perché mi batte forte forte il cuore
quest’oggi ho visto dall’altra parte della strada un uomo che muore
di stenti e di fatiche
e di altre cose antiche che non mi va di enumerare…

Mamma, andiamo a Napoli, a Napoli c’è il sole
lo sanno tutti e poi finché non la si vede tanto non si muore
adesso che ci penso bene
sarebbe forse il caso di aspettare ancora un po’…

Tanto l’erba dappertutto ha lo stesso odore,
essenza che io chiamo ‘Ansia da prestazione’
e da bambino in mezzo a un campo con un pallone sai cos’è…
Sì perché io, con tutti i calci che ho preso io
se li prendesse, per esempio, Dio 
bestemmierebbe
Dio, con tutti i padri che ho avuto io
che gridavano il nome mio
a squarciagola…

Comprati da bere, Verlaine
questo non è un giorno per te
come fai ad odiare il fango
se non sai ballarci il tango così
tagliati le vene, Gauguin
questa notte non è per te
come fai a odiare il sole
se decide lui il colore
com’è.

Figlio, una vita è troppa, due sono troppo poche
per perseguire un plausibile progetto di felicità
non so districarne il filo 
d’impeccabile fattura inglese e ritrovarne il bandolo…

Figlio, andiamo via da questa città senza prospettiva
qui i sogni sono soltanto pensieri sdraiati che si raddrizzano la mattina
la ragione non è un pallone,
la ragione sta nel mezzo e non nell’angolo…

Però l’erba dappertutto ha lo stesso odore,
essenza che ho chiamato ‘Ansia da prestazione’
e da ragazzo in mezzo a un campo con una ragazza sai com’è…
Sì perché io, tutti calci che ho dato io
con tutti i baci che ho dato io
li ho riscattati
Dio, con tutti i figli che ho avuto io 
che pretendono il nome mio
a squarciagola…

Tagliati le vene, Verlaine
questo non è un giorno per te
come fai ad amare il fango
se non puoi più ballarci il tango così
comprati da bere, Gauguin
questo non è un giorno per te
come fai ad amare il sole
se decide sempre lui il colore
com’è.

La canzone può essere scaricata gratuitamente qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...